Che tipologia abitativa è il “Loft” e da cosa è caratterizzata?

Che tipologia abitativa è il “Loft” e da cosa è caratterizzata?

Cosa si intende quando si parla di tipologia abitativa del Loft?

Il termine inglese “Loft”, trae parte del suo nome dal norvegese Lopte dal tedesco Luft, che significano «aria».

Viene quindi indicato per rappresentare uno spazio arioso e luminoso, utilizzato negli ultimi decenni per la realizzazione di abitazioni o locali.

I moderni loft, sono ottenuti tramite il recupero di una o più strutture industriali in disuso.

In genere, gli edifici utilizzati per la realizzazione della tipologia abitativa dei loft, sono di ampie dimensioni e quasi completamente privi di pareti divisorie interne.

I primi esempi di realizzazione ed utilizzo di questa tipologia di spazi, sono stati quelli di alcune case-studio.

Queste situazioni abitative erano ricavate dagli artisti nei vecchi magazzini situati nelle vicinanze di New York, a partire dagli anni Settanta del Novecento.

Per questa sua caratteristica di avere un’assenza quasi totale di pareti divisorie, il Loft è anche compatibile con la tipologia abitativa dell’ ”Open Space.

Ad oggi, la realizzazione di Loft e in crescita grazie a questa sua conformazione spaziale, in quanto rimanda ad un concetto di libertà e di recupero e riciclo di spazi altrimenti abbandonati a sé stessi.

Seguici e Condividi

Info sull'autore

Gabriella Piombi administrator

Laureata in economia e commercio, con una tesi sul Franchising Immobiliare, si occupa di intermediazione creditizia da oltre 15 anni con una specializzazione nel settore dei mutui  per la casa.  Attualmente è responsabile Fincasa mutui e cessioni del quinto

error

Ti piace questo blog? Seguici anche sui nostri social!