Vendere senza aver sanato le spese condominiali: si può fare?

Vendere senza aver sanato le spese condominiali: si può fare?

Vorrei vendere un appartamento senza aver prima sanato le spese condominiali.

È possibile?

Chi è interessato a vendere un appartamento senza aver sanato le spese condominiali è a tutt’oggi libero di farlo.

Mettere in vendita un’abitazione in un condominio è una delle pratiche di compravendita più diffuse.

Questo perché, soprattutto nelle grandi città, questa è la tipologia abitativa più apprezzata e commercializzata.

Le spese di condominio sono a carico del proprietario dell’immobile.

Solitamente, in fase di vendita, il venditore sana le spese condominiali in modo da arrivare all’atto di rogito con un debito azzerato.

È quindi possibile vendere un appartamento senza aver prima sanato le spese condominiali, a patto che queste vengano estinte prima del rogito.

In caso di vendita con debiti nei confronti del condominio, è l’acquirente a dover pagare questi essendo lui il nuovo proprietario dell’immobile.

In questi casi, l’acquirente può fare rivalsa legale sul venditore per farsi risarcire la somma dovuta.

Chi acquista può comunque tutelarsi da quest’eventualità.

L’acquirente può chiedere e pretendere dal venditore una certificazione, rilasciata dall’amministratore di condominio, (articolo 1130, n.9, del codice civile), in cui si conferma l’assenza di arretrati e la totalità delle spese pagate maturate fino alla data del rogito.

Questa certificazione può essere richiesta soltanto dal venditore in quanto attuale proprietario dell’immobile.

Diversamente, richiederla come acquirente violerebbe le regole sulla privacy condominiale.

L’acquirente può anche far inserire nel contratto di compravendita una scrittura ad hoc.

Questa clausola definisce che le spese di condominio dell’anno in corso o in quello precedente vengano addebitate solo al venditore.

Quest’ultima soluzione, è valida soltanto tra le parti e quindi non nei confronti del condominio.

Per questo motivo, il condominio può, legalmente, richiedere la cifra dovuta al nuovo condomino.

Seguici e Condividi

Info sull'autore

Bruno Bonifazi author

Presidente del gruppo Bonifazi Franchising Immobiliare

error

Ti piace questo blog? Seguici anche sui nostri social!