Come vendere un immobile ereditato da più persone?

Come vendere un immobile ereditato da più persone?

Come vendere un immobile ereditato da più persone, nel mio caso da me e dai miei cugini?

Per poter vendere un immobile ereditato da più persone, queste devono, di comune accordo, aver presentato la dichiarazione di successione e accettato l’eredità. 

Dopo questo primo passo si può, quindi, procedere alla vendita di ciascuna quota ereditaria dell’immobile al compratore. 

Per vendere un immobile ereditato da più persone, come per qualsiasi compravendita immobiliare, bisogna avere i documenti necessari e recarsi da un notaio insieme all’acquirente finale. 

Una volta effettuata la vendita di tutte le quote della casa, la proprietà dell’immobile passa dai coeredi all’acquirente, il quale ne diventa proprietario unico.

Quando gli eredi non riescono a decidere di comune accordo su cosa farne dell’immobile ereditato, ciascuno di questi può rivolgersi al tribunale per chiedere la divisione dell’eredità

Divisione dell’eredità

Per richiedere questa divisione, il coerede deve farsi rappresentare e difendere da un avvocato.

Il legale però, prima di notificare l’atto di divisione, deve aspettare la fase del procedimento di mediazione obbligatoria.

Se anche questo tentativo di mediazione non ha successo, la domanda di divisione dell’eredità va fatta attraverso un atto giudiziale che deve essere notificato a tutti gli eredi.

La fase di divisione deve essere gestita da un giudice che può a sua volta delegare un notaio, un commercialista o un avvocato.

Il giudice o il professionista delegato imposta poi un progetto di divisione in natura, maggiormente scelto in quanto permette di evitare la dispersione del patrimonio ereditario.

Questa divisione, però, non è sempre possibile nel campo immobiliare. 

Questo perché fino a quando si tratta di grandi immobili con più vani e ingressi si può dividere fisicamente in modo più semplice, mentre in caso di appartamenti con ingressi unici o di poche stanze, questo risulta complesso.

Quindi, in caso di situazioni non divisibili, le scelte che si possono fare sono quelle in cui:

  • L’immobile è assegnato a uno degli eredi che deve pagare tutte le quote agli altri coeredi.   Per la definizione del valore dell’immobile, questo viene stabilito secondo il valore di mercato.

Nel caso in cui tutti gli eredi vogliono l’immobile in questione, il giudice procede ad un sorteggio.

  • L’immobile è venduto all’incanto secondo le procedure proprie delle aste giudiziarie.

Vendita delle quote singole

Prima di effettuare la divisione in natura, ogni singolo erede può decidere di vendere la propria quota.

Se tutte le quote sono cedute dai vari coeredi ad un unico erede, la comunione ereditaria si scioglie senza il bisogno di arrivare al procedimento di divisione.

Un coerede può anche decidere di vendere la propria parte di quote ereditarie ad una persona al di fuori dell’eredità.

In questo caso, il terzo soggetto deve rispettare il diritto di prelazione di ciascuno degli altri coeredi.

Seguici e Condividi

Info sull'autore

Bruno Bonifazi author

Presidente del gruppo Bonifazi Franchising Immobiliare

error

Ti piace questo blog? Seguici anche sui nostri social!